Eventi

Firmato accordo per "Etichetta lilla"

L’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti della provincia di Savona e la Cooperativa Sociale Bandiera Lilla hanno firmato l’accordo sui parametri dell’Etichetta Lilla presso l’Auditorium comunale in via alla Massa ad Albisola Superiore.

Alla presenza degli assessori al Turismo di Albisola Superiore, Luca Ottonello, e di Albissola Marina, Nicoletta Negro, entrambi Comuni Lilla, il Presidente dell’UICI Savona Andrea Bazzano, il Vice Presidente Federico Melloni e Roberto Bazzano presidente di Bandiera Lilla hanno firmato l’accordo che delinea le specifiche a cui dovranno attenersi le aziende che adotteranno l’Etichetta Lilla per i propri prodotti.

Prima della firma l’Assessore Ottonello ha sottolineato l’importanza di proseguire nel cammino dell’accessibilità non solo per luoghi o edifici, ma anche per i prodotti di largo consumo che oggi si rivolgono, salvo rari casi, solo a persone con pieno possesso delle facoltà visive ed ha sottolineato e confermato l’impegno delle Albisole su questo fronte. A margine dell’intervento Ottonello ha poi sottolineato l’innegabile soddisfazione di vedere nascere iniziative come l’Etichetta Lilla da piccole realtà territoriali anziché dalle grandi metropoli.

L’Assessore Negro di Albissola Marina, cogliendo l’occasione rappresentata dall’Etichetta Lilla, ha manifestato la volontà di estendere ulteriormente l’uso del QR code con audio nel suo Comune per renderlo ancora più fruibile ai non vedenti, così come si è impegnata a rendere “toccabili” e fruibili quanti più monumenti ed opere d’arte possibili.

Andrea Bazzano, presidente di UICI Savona, ha introdotto l’Etichetta Lilla sottolineando l’importanza di questa iniziativa: “Riguarda direttamente oltre 1,5 milioni di italiani che oggi non hanno possibilità di sapere che cosa contengano le confezioni che acquistano quotidianamente. Per questo abbiamo accolto con entusiasmo l’offerta di Bandiera Lilla ed abbiamo partecipato ai test preliminari verificando, suggerendo modifiche e migliorie e determinando le specifiche di quello che possiamo definire lo standard di etichettatura che secondo noi è più utile”.

“Ricordiamo poi - ha continuato il vice presidente UICI Melloni - che un sistema così completo, formato sia dal braille che da un QR code contenente un audio, non è rivolto solo a ciechi e ipovedenti, ma a milioni di altre persone che pur non avendo una patologia importante riguardante la vista, non riescono a leggere le scritte, sempre più piccole, sulle confezioni dei prodotti in modo particolare quelli alimentari”.

“Abbiamo cercato di individuare un modello efficiente, ma anche relativamente elastico, che potesse coniugare la necessità di essere facilmente utilizzato da chiunque, senza che le aziende debbano stravolgere le proprie etichette aumentando i costi e limitando, quindi, la diffusione del modello - ha proseguito Roberto Bazzano di Bandiera Lilla -. Crediamo, con l’aiuto dell’Unione, di esserci riusciti e da domani inizieremo a realizzare le nuove etichette con le Aziende che hanno aderito alla fase sperimentale e a diffondere il modello presso tutte le altre aziende italiane”.

L’accordo firmato determina proprio le specifiche con cui saranno realizzte le scritte in Braille e l’ordine di priorità con il quale saranno fornire le informazioni nell’audio attivato dal QR Code, oltre al posizionamento del QR code stesso e alla sua modalità di riconoscimento al tatto.

L’accordo che dà ufficialmente l’avvio alla realizzazione delle prime Etichette Lilla ed alla diffusione di questo nuovo modello presso le aziende italiane.